giovedì 6 agosto 2009

Tre fave per un piccione


Ebbene sì, carissimi amici viandanti per pensieri, alla fine è accaduto.
L’«Irreparabile» ha fatto il suo beffardo corso.
E’ bastata una sola mezza mattinata, perché il qui presente cantore degli idilli agresti, il qui scrivente fustigatore delle mode motoristiche, il qui “stracciante sfericità altrui” riguardo alla mala pianta del consumismo, bruciasse in un batter d’occhio un anno speso a pontificare e a lanciare strali intorno a queste tre tematiche cruciali.
«…Mi contraddico? Ebbene sì, mi contraddico, sono ampio, contengo moltitudini…» poetava qualche tempo fa il buon Walt Withman.
Ma allora cosa dovrei dire io, dopo quello che mi è successo stamattina: sono ampio, contengo petroliere?
Ma andiamo per ordine…venghino, sior siori venghino, che andiamo a cominciare: qui si narrerà la istoria completa del piccione e delle tre fave della contraddizione…bambino là in fondo stai bravo, non sparare le caccole in mezzo all’onorevole pubblico, che se no chiamo l’Uomo Nero…

Me ne andavo bel bello (va beh, nel mio caso calza più “brut brutto”…) stamattina in auto alla volta della città e già subodoravo qualcosa che non andava.
Le strade erano piuttosto sgombre, complice il clima vacanziero e l’orario per una volta non antelucano, tanto che iniziavo a preoccuparmi del fatto che stessi apprezzando una certa gradevolezza nell’atto del guidare.
«Ohibò…e che perfido maleficio sarà mai codesto?…io che reggo un volante con piacere?...», mi domandavo sospettoso.
Il sospetto cammin facendo si è tramutato in panico, constatando di man in mano che non stavo mandando alla malora nessuno dei radi automobilisti che incrociavo.
Di contro alle ottomilatrecentoventiquattro maledizioni nelle quali solitamente mi profondo ogni mattina ordinaria di viaggio lavorativo verso l’ufficio, in tutti i 30 km. del tragitto odierno mi sono concesso solo un bonario “ca’t végna un acìdént a té e a c’la vàca ad tù ma’…” all’indirizzo di un simpaticone che ad un incrocio in cui mi stavo per immettere, mi manifestava il suo preclaro diritto di occupare una corsia e mezza, anziché l’ordinaria semi-porzione di carreggiata prescritta ad ogni bastardo qualsiasi.
Ma il mio panico stupefatto si è a sua volta evoluto in sbalordimento generale una volta che ho fatto ingresso nelle strade abitualmente più trafficate della città.
Cosa non hanno visto i miei occhi…
Cittadini solitamente calcanti il pesante piedone della guerra automobilistica sull’acceleratore dei loro veicoli, che invece oggi parevano tutti dei lord Brummel del motore: gente che lasciava passare i pedoni col radiatore a fare l’inchino, precedenze rigorosamente interpretate, piccole curve e rotatorie prese su con cognizione.
Ci mancava poco che dai finestrini delle auto si vedessero spuntare le mani dei rispettivi conducenti protese nell’atto di offrire un Martini con tanto di oliva a ciascuno degli altri circolatori motorizzati.
Addirittura, nel mezzo di questo clima pastoral-viabilistico, ad un certo punto mi è quasi parso di vedermi affiancare da un tizio, che abbassando il finestrino mi annunciava: «Passa pure da casa mia se vuoi…ho lasciato mia moglie nel letto, uscendo…ha già fatto gli “anta” ma si mantiene un bijou e una botta la merita sempre…fai con comodo, non me la prendo per oggi…».
Ecco, forse non è andata proprio così e questo probabilmente l’ho solo immaginato, ma fatto sta che ad un certo punto mi son ritrovato ancora a considerare con orrore fra me e me: «…Ma lo sai che la città non mi dispiace?...».
Sì, signore e signori della corte, lo confesso: io, proprio io Egidio Calloni…ah no, ho sbagliato: questa era solo una reminiscenza dalle mie vetuste letture dei fondamentali periodici «Il Monello» e «L’Intrepido»…dicevo dunque, io, proprio io che da circa un anno vi tartasso le aiuole sproloquiando di campagnolismi assortiti, mi sono sorpreso in ammirata ed incoerente considerazione dell’ambiente urbano.

Ma il momento più gravemente contraddittorio della mia mattinata doveva ancora venire, perché poi, non pago del delirio di incoerenza in cui mi trovavo ormai a naufragare, mi sono recato niente meno che al Grande Centro Commerciale (mea culpa, mea maxima culpa…) e qui mi sono immolato sul gradino più altamente inutile della futilità consumistica.
Ho acquistato un oggetto, auto-persuadendomi che mi servirà per riporvi la macchina fotografica, ma ben consapevole in cuor mio del reale motivo iper-frivolo della compera.
L‘ho comprato solo perché non ho saputo resistere al “look da cartone animato” che promanava da questo coacervo di tela e vellutini.
Tanto che non saprei definirlo altrimenti che con un termine in stile “Merrie Melodies”: si tratta di una “borsinina” per la fotocamera (comunicazione di servizo: Farly, mandami pure a casa il conto della pomata che dovrai procurarti per curare l’eczema causato da questo doppio diminutivo carpiato con avvitamento infantile).
La gravità del mio gesto la potete commisurare in proporzione di quanto riportato nell’immagine, ove l’oggetto rifulge in tutta la sua “borsininità”.
Lo sfalsamento dimensionale dato dal primissimo piano non vi tragga in inganno.
Fidatevi, è veramente una “borsinina”: 18 x 12 x 10 cm.
Non vi sembra quasi di vederla a tracolla di Bugs Bunny quella volta che doveva recarsi in vacanza a Pismo Beach facendo tappa a La Jolla?
Tra l’altro, una volta a casa mi sono accorto che il rito supremo dell’inutilità consumistica era completato dal fatto che la mia reflex nella “borsinina” ci sta dentro appena appena.
Diciamo che, anche in questo caso, la fotocamera ci entra, e giustamente, in maniera “cartoonistica”.
Infatti, quando si chiude il gancetto anteriore, la “borsinina” si inciccisce talmente che sembra quasi di immaginare la reflex là dentro pressata come Tom quando, al termine di un inseguimento con Jerry, si ritrova incastonato in un barattolo. Oppure, la sua gonfiezza ricorda lo stato in cui si ritrova Silvestro uscito da una centrifuga in lavatrice.

Insomma, è andata così, cari amici: mi sono reso colpevole di triplice contraddizione aggravata da futili motivi.
Ora per espiare dovrò studiarmi a memoria le «Bucoliche» di Virgilio, per poi andarle a recitare alla “Sagra del Cotechino Strabollito”, non senza aver introdotto la serata con «Il lamento della scavatrice» di Pasolini.
E per completare il mio atto di contrizione, prometto di visionare buona parte della filmografia di Akira Kurosawa, con qualche assaggio del «Decalogo» di Krzysztof Kieslowski (…voi riderete, ma la cosa più grave è che questa parte della penitenza L’HO GIÀ FATTA!!!)



10 commenti:

maria rosaria ha detto...

complimenti gil, scrivi in una maniera squisita. sembra di sorseggiare una buona e dissetante bevanda di fronte ad un dolce variegato. l'intrepido ed il monello erano anche la mia passione, anzi direi che ho esordito nel mondo della lettura proprio con loro.comunque, gli acquisti che ci sembrano inutili rivelano la loro efficacia dopo qualche tempo... vanno lasciati riposare, come il risotto.
a presto :)

farlocca farlocchissima ha detto...

e va bene, forse che forse, a furia di frequentare una gatta di città come me un po', ma dico solo un po' di inurbamento benefico te lo stia prendendo pure tu?
lo scritto è fantastico!!

bacio
ps per la pomata fanno 15 euro ;-)

gillipixel ha detto...

@->Maria Rosaria: ma grazie, ma che gentilezza squisita :-) non sum dignus, davvero...grazie :-)
eh, già, me li ricordo bene Ghibli e Billy Biss con la sua Isotta Fraschini :-)...non ricordo bene però se erano sul Monello o sull'Intrepido :-)
direi che la tua tesi sugli acquisti inutili si può estendere a molti ambiti della vita: il tempo rivaluta spesso tante cose...grazie ancora :-)

gillipixel ha detto...

@->Farly: ehehehehhe, deve essere proprio l'influsso farlocchesco urbano che mi sta contagiando :-)
Grazie per il complimento, mi sono sempre molto care le tue impressioni sulle cose che scrivo...
15 euro?!?! Ecco una cosa che mi fa già subito rivalutare un po' la campagna: qui dall'apotecario agreste, la pomata ti viene via almeno a 5 o 6 euro in meno :-D

farlocca farlocchissima ha detto...

no no è che ho dovuto comprare la confezione grande ... quella piccola costa 10 ma le bolle erano troppe :-D

gillipixel ha detto...

@->Farly: ahahahhaa...capito, non avevo tenuto conto di quanto devastante fosse il mio diminutivo, in effetti :-)

scodinzola ha detto...

Bravo Gil (posso chiamarti così anch'io?). La lettura di questo post è stata molto divertente. Ad un certo punto mi son vista lì sulle strisce pedonali tutta contenta di salutare il radiatore!
Gli acquisti delle cose inutili hanno comunque un pregio: in quel momento (e solo in quel momento) ci regalano un pò di soddisfazione.

gillipixel ha detto...

Grazie, Scodi :-) certo che mi puoi chiamare Gil, è praticamente il mio nome :-)
Sono contento se ti ho procurato qualche sorriso col mio scrittino...convengo in pieno sul fatto della valenza terapeutica dell'acquisto in sè e per sè (purchè non sia un passo talmente azzardato da mandarci sul lastrico :-)
Grazie ancora per la tua simpatia...Mi sbaglio o non hai un tuo spazio personale di web-scrittura? Ma perchè non ti lanci pure tu nell'avventura bloghesca? Sono certo che avresti cose bellissime da raccontare...io ci conto, eh :-)

scodinzola ha detto...

Sei sempre molto carino nelle tue risposte. Non sono una blogger e non credo la diventerò. Ho poco tempo per riuscire a tenerlo aggiornato e soprattutto non ho il dono della scrittura. Il mio voto alla maturità ha subito un notevole ribasso a causa del tema "appena sufficiente". Però mi piace molto leggere e quindi... meno male che ci siete voi a dilettarmi e soprattutto tu Gil che sei veramente bravo!

gillipixel ha detto...

@->Scodinzola: per il momento ti dico solo che spero che ci ripensi...ma mi riprometto di dedicare prossimamente a questo argomento uno scritto apposito, perchè il tuo ultimo commento mi ha dato diversi spunti di riflessione... :-) grazie ancora per la tua gentilezza :-)