martedì 26 gennaio 2010

Il fascino discreto dell’ironia storica

Quest’anno la «Giornata della memoria» (27 gennaio: data che nel 1945 vide la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz) ricorre proprio mentre mi trovo nel pieno della lettura di un testo molto importante per quel che riguarda le tematiche connesse alla Shoah e a tutto il periodo storico relativo. Il libro in questione è un ponderoso doppio tomo intitolato «Storia del Terzo Reich» (Edizione Einaudi, ristampa recentissima), realizzato sul finire degli anni ’50 da un eccellente giornalista statunitense, William L. Shirer.
La cosa è capitata un po’ casualmente.
Nel periodo di Natale, mi ero visto «La caduta», film che racconta le ultimissime ore del terrificante regime hitleriano. Da lì, mi è venuto voglia di approfondire ulteriormente l’argomento. Il fatto che questa sequela di interessi storici mi abbia colto proprio fra dicembre e gennaio, è stato dunque una coincidenza pura. Ma questo mi porta ora ad affrontare con animo diverso la giornata da alcuni anni tradizionalmente dedicata al ricordo dell’Olocausto.
Non è certo mia intenzione tentare nemmeno un timido abbozzo di sintesi dell’interessantissimo libro in questione. Primo perché non sono assolutamente un esperto della materia, per cui non mi azzarderei nemmeno ad addentrarmi più di tanto nel merito degli aspetti “tecnici”.
Secondo perché, non solo il contenuto è di una complessità e di una “diramazione” tematica straordinarie, ma rappresenta già esso stesso la grandiosa sintesi di una mole immane di documenti (diari, trascrizioni di discorsi, verbali di eventi ufficiali, atti del processo di Norimberga), completati per giunta da tantissime testimonianze dirette dell’autore, che fu prestigioso corrispondente dalla Germania per diversi quotidiani USA e per la radio, proprio nel pieno del periodo in questione, conoscendo di persona anche tantissimi protagonisti delle vicende trattate.
Per quel che vale la mia parola di profano dunque, supportata anche dall’avallo di qualcuno che in campo storiografico ha più autorevolezza di me (…grazie Yoss!), posso dire solo che si tratta di un gran bel libro (pur con alcuni limiti tipici dell’ancora “acerbo” clima culturale del secondo dopoguerra), consigliabile (se non ci si spaventa di fronte a circa 1700 pagine di lettura) a chi vuole saperne di più a proposito di uno dei deliri più folli nei quali l’umanità si sia avventurata nel corso della sua lunga vicenda.

Quel che posso tirar fuori io, sono invece alcune considerazioni volanti e probabilmente alquanto disordinate, com’è mia consuetudine.
Non nascondo che questo periodo storico ha sempre suscitato in me un certo interesse. Così come lo hanno sempre suscitato le vicende del totalitarismo sovietico, quelle della follia cambogiana, oppure i passaggi salienti della sanguinosa guerra del Vietnam, o ancora i fatti degli “anni di piombo” in Italia.
Mi sono chiesto spesso il perché.
Chi di voi di tanto in tanto ha letto anche solo qualche riga di ciò che scrivo qui su, avrà ormai capito che definirmi moderato è un eufemismo. Sarebbe più giusto dire che sono la stasi emotiva fatta persona. Un bradipo è cento volte più animoso di me, e probabilmente, un ettogrammo della mia flemma sarebbe bastato a mandare a carte quarantotto tutto l’impeto della Rivoluzione francese.
Eppure, come mai, al di là della normale curiosità che mi fa avvicinare un po’ a tantissime dimensioni dello scibile umano, proprio quei periodi così terribili e violenti sollecitano in maniera così particolare il mio desiderio di conoscere?

Una delle possibili risposte che mi vengono in mente potrebbe essere questa: il male è sì contraddistinto da una propria sconvolgente banalità, come disse Hannah Arendt. Il male è persino burocratico nella stupefacente “eccellenza” dei livelli di ottusità verso i quali è capace di spingersi.
Ma, nel suo modo diabolico e contorto, il male sa essere anche tremendamente “fascinoso”.
Questa cosa si evince in maniera eclatante dal fenomeno nazista. Per certi versi si può dire che quel regime fu concepito come una perfetta e tremendamente perversa “macchina estetica”.
Insieme alla coercizione fisica vera e propria, alla violenza pratica applicata sistematicamente per imporre la propria logica di sopraffazione antilibertaria, il nazismo vide essenzialmente fra le sue componenti principali anche una possente «irregimentazione» dell’immaginario di un popolo.
La consapevolezza dell’esistenza di questo fascino potenziale contorto e subdolo, aiuta già parecchio a difendersi da esso e a mantenersi all’erta riguardo al suo possibile strisciare “sottotraccia”, rinnovato in inediti fenomeni storici a venire.
Ma esiste comunque una “cartina di tornasole” particolare, capace di mettere in evidenza la natura ingannevole e fallace del fascino del male: la grazia e la sottigliezza dell’ironia storica.

*******

Ad un certo punto dell’avvincente narrazione di Shirer, vengono ricordati gli avvenimenti che si verificarono quando il fascino fasullo del male nazista si trovò a confrontarsi con il reale senso della bellezza vera, che non può essere composta da altri ingredienti che non siano la tensione (sempre a carattere asintotico: è importante!) verso il vero e verso il giusto, e l’amore più disinteressato per i valori della libertà dello spirito.

Su tantissime questioni il nazismo riuscì ad ingannare il popolo tedesco (che, non va dimenticato, a buona parte di quella sciagurata avventura concedette il proprio “complicato” consenso), ma non riuscì a renderlo completamente cieco di fronte alle espressioni genuine del “bello” reale.
Racconta ad esempio Shirer di come il regime si oppose alla ricerca estetica dell’arte moderna. Questo frangente storico merita di essere menzionato per i suoi risvolti grotteschi, che se non fossero legati all’angosciosa tragedia di tutto quel periodo, si potrebbero quasi considerare straripanti ben addentro l’ambito di competenza della comicità.
Per ordine di Hitler, i principali musei del Reich vennero “epurati” di molti capolavori di quella che nel farneticante linguaggio del regime era definita “arte degenerata”. 6500 importanti dipinti dei più grandi autori, fra i quali Grozs, Kokoschka, pezzi inestimabili dell’Espressionismo tedesco, Van Gogh, Cézanne, Gauguin, Matisse, Picasso, molti impressionisti, vennero nascosti al pubblico, messi al bando per imporre il monopolio dell’unica arte che nella logica malata di quei pazzi poteva considerarsi degna di essere chiamata con questo nome. Una grande raccolta di queste tronfie croste di autori di “pura ispirazione ariana”, grondanti nauseabonda retorica ed irritante servilismo culturale, venne radunata per indicare al popolo la “vera via” dell’arte.
Ci racconta Shirer che nemmeno lo stesso Hitler, recatosi a visitare privatamente in anteprima l’accozzaglia di banalità e squallori, riuscì a tollerare la sensazione soffocante di schifezza che promanava da quei pezzi di tela impiastricciati, e in un accesso irrefrenabile di sincerità, sferrò liberatori calcioni nel bel mezzo di più d’uno di questi dipinti espressione della “nuova arte germanica”, proprio grandi pedate ben assestate con i suoi stivaloni totalitari, aprendoci sopra puri squarci ariani. Come dicevo prima, se dietro non ci fosse tutta la tragedia che sappiamo, ad immaginare la scena di un Führer incacchiato che scalcia contro i sommi capolavori dell’eccelsa arte di regime, ci sarebbe da schiantarsi dalle risate.
Ma non finì qui.
Il perfido ministro della propaganda del Reich, il claudicante dottor Joseph Goebbels, rifulgente di tutta la sua storpia perfezione ariana, pensò bene di organizzare, con tutte le vere opere d’arte moderna sequestrate, una seconda esposizione. Lo scopo era quello di offrire alla gente una chiara dimostrazione della “degenerazione” degli artisti banditi. Andò a finire che la “contro-mostra” fu un successo incredibile.
Lo stratega culturale del Reich, dopo essersi roso etti ed etti di fegato, si trovò costretto a chiudere in fretta e furia l’esposizione, per mettere fine all’afflusso di folla assetata di bellezza vera, affamata della libertà di esprimersi e di pensare.
Destino non tanto dissimile toccò agli altrettanto mefitici lungometraggi di regime, che venivano addirittura fischiati nelle sale, tanto erano tediosi, stucchevoli ed inutili, mentre le poche innocue pellicole americane lasciate passare dalla censura, pur nell’inoffensività della loro pochezza, venivano avidamente assorbite dagli spettatori come dalle sabbie di un deserto afflitto da una terribile arsura estetica.
Leggendo queste cose, pur nella mestizia di fondo, il mio cuore sorrideva. E il mio ingenuo animo mi ripeteva che sì, il male può spuntarla in tante ed anche terribili battaglie, ma mai risultare vincitore definitivo nella grande contesa della vita.

Il male non è mai portatore di nessuna bellezza. Non lo può essere. Il suo è molto più rozzamente e sbrigativamente il fascino che potrebbe emanare da un «energumeno estetico». Il fascino del male è un eccitante capace di smuovere solo le superfici più “elettriche” dell’esistenza, senza mai riuscire a calarsi nei fondali più segreti e misteriosi, laddove la verità ha la sua casa. Elettricità del male, che inevitabilmente incappa in un corto circuito, quando nella presa di corrente fissata sul muro delle varie epoche degli uomini, prima o poi va ad infilarsi quella dispettosa forcina per capelli che è l’ironia storica.

10 commenti:

Antonella ha detto...

Infatti sembrerebbe che il movimento dell'universo possa avere luogo solo con una forza ordinata alla costruzione intesa come evoluzione coerente.Questa forza non può che essere il bene.Il male genera disordine .E' una questione di opportunismo storico. Bisogna pensare solo in senso di bene se no non ti muovi. baci

Yossarian ha detto...

Molto bello.

Mi e' piaciuto molto Gilli.

Grande Shirer vero?

Io lo amo.

Comunque, il "furbacchione" Goering aveva fatto incetta di arte "degenerata"...e come lui tanti altri gerarchi perche' l'arte sara' stata "degenerata", ma "pecunia non olet", come sempre.

Ciao

:-)

PS smettila coi complimenti, mi fai arrossire. Io non sono uno storico, ma solo un dilettante che si interessa di storia.

Shirer era uno storico.

Io ho il diploma di maturita' linguistica e non ho finito l'Universita'...

Un po' poco direi.

Ciao Supergilli.

:-)

PPS Pero'56/60...

Gillipixel ha detto...

@->Antonella: hai colto nella sua essenza ancor più profonda il mio discorso, Anto...il male crea attriti e cigolii nelle dinamiche del reale, il bene è il bilanciamento a cui tutto tende...o almeno noi ci speriamo sempre :-)
grazie per aver letto con tanta attenzione, certe volte mi rendo conto di scrivere cose un po' lunghette e quindi il lettore che è paziente, ha tutta la mia riconoscenza :-)
Bacini storiografici :-)

Gillipixel ha detto...

@->Yossarian: grazie mille, Yoss, sono proprio contento che ti sia piaciuto...è veramente un libro eccezionale, questo di Shirer, non solo per la maestria storiografica che contiene, ma anche perchè è avvincente come un romanzo, scritto in un modo molto lineare e che ti cattura come una calamita narrativa potente...era tanto tempo che non leggevo un testo con tanta avidità e soddisfazione...mi sono già sparato oltre 500 pagine in pochi giorni: incredibile!!!
I complimenti sono strameritati, credimi :-) non è un diploma o una laurea avanti o indietro che fanno la cultura...è invece un mix di cuore, mente, passione, attenzione, precisione, sensibilità, e tu di questa merce ne tratti in quantità industriali :-)
Ah, sì,sì...riguardo la tua precisazione, d'accordo: ho messo sul finire degli anni '50, ma mi riferivo alla pubblicazione, più che altro...mi pare che dica in prefazione che ci ha messo circa 5 anni: il copyright è del '59-'60, quindi i conti tornano...e grazie per la precisazione :-)
Ciao :-)

farlocca farlocchissima ha detto...

lunghissimo post mezza chimera mia. appena ho tempo lo leggo meglio anche se mi ha già intrigato la prima parte... mo me sequestrano in una riunione :D

Gillipixel ha detto...

@->Farly: eheheheh :-) fai pure con comodo, chimerina indaffarata :-) aspetto la tua lettura con tutta la calma che vuoi :-) Grazie per l'avviso, sempre super-carina :-)
Bacini di interludio :-)

scodinzola ha detto...

Nonostante la lunghezza del post, come al solito uno scrittino avvincente. La considerazione che mi viene spontanea è: come hanno fatto a non accorgersi di quello che stava accadendo? Se hanno capito qual'era la vera arte, come hanno fatto a non capire dov'era il bene?
Ieri sera ho rivisto "Il pianista"... come hanno potuto fare tanto?
Chissaà forse Shirer lo spiega. Semmai fammi sapere.
Buffetti

Gillipixel ha detto...

@-Scodinzola: eh, Scodi, ci sono diverse cose da dire...Shirer in effetti le spiega, ma sarebbero troppo lunghe da riasusmere qui...posso dire questo: che abbiano capito effettivamente la vera arte forse è solo una mia supposizione...di fatto il popolo tedesco sostenne Hitler fino a quando non ne capì tutta la follia, ma ormai era tardi...
Hitler ci mise tutta la sua astuzia e la sua perfidia per ingannare e fare giochi sporchi, questo va detto (anche la Francia e l'Inghilterra abboccarono, fino ad un certo momento storico...)...e tuttavia questo popolo veniva da un contorto periodo storico (il post Prima Guerra Mondiale) che fu la coltura sociale e politca ideale per fare crescere l'abominio manovrato da Hitler che poi ne derivò...era anche un popolo ferito dalle umilianti condizioni del trattato di Versailles che le altre nazioni imposero dopo la fine della Prima Guerra...non dimentichiamo poi la violenza del regime, che s'impose anche con infiniti morti sulla coscienza (ammesso che avesse una coscienza, e ne dubito fortemente...), l'eliminazione di qualsiasi oppositore che si azzardava a dire "bài"...
Quindi, chissà se capirono effettivamente l'arte vera: di certo (o almeno mi piace credere così...) dimostrarono che c'era ancora, sia pure nel subconscio, un po' voglia di pensare con la propria testa, di poter essere curiosi liberamente...
La "complicità" del popolo tedesco con la follia nazista ci fu, è innegabile, ma fu un fenomeno molto complicato, dai mille risvolti...
Insomma, spero di averti risposto un po', anche se solo parzialissimamente :-)
Buffetti storico confusi :-)

farlocca farlocchissima ha detto...

buondì gilli, finalmente lessi con cura e molto mi piacque il tuo scritto :-) mi sono fatta un giro sui post dell'inizio e, mio caro, stai in crescendo pazzesco.... scrivi sempre meglio baci e fusa fuse dalla metà chimera stanca

Gillipixel ha detto...

@->Farly: eheheh, ma grazie infinite, mezza chimerina dolce :-)
sarà anche il fatto che il divertimento cresce, la passione per la scrittura e tutto il resto si affinano...così alla fine probabilmente si coglie anche in lettura :-)
In bocca al lupo per tutte le tue piccole e grandi battaglie quotidiane :-)
Bacini e fusa profuse :-)